Come Conservare il Vino

Scopri come conservare correttamente il vino in maniera semplice e rapida. Se hai necessità di conservare correttamente i diversi vini del tuo ristorante, segui i nostri consigli. Per essere certi di non sbagliare, occorre prendere in considerazione una serie di importanti parametri, come la temperatura, l’esposizione all’aria o alla luce e l’umidità. Se non disponi di un sommelier, assicurati di seguire i suggerimenti di questo articolo, che ti permetteranno di ottenere il massimo dalle tue riserve di vino.

Come conservare correttamente il vino: posiziona le bottiglie in orizzontale.

Per scoprire come conservare correttamente il vino, metti in pratica i nostri preziosi consigli. Anche se la conservazione del vino non è particolarmente complicata, esistono, tuttavia, alcune metodologie che ti permetteranno di preservare il sapore e la qualità del prodotto. Generalmente le bottiglie di vino vengono posizionate orizzontalmente, con l’etichetta rivolta verso l’alto. Questa prassi è indispensabile soprattutto per le bottiglie con tappi di sughero naturale. In tutti gli altri casi tale tipologia di conservazione può essere una pratica soluzione salvaspazio, specialmente per i piccoli ristoranti. Il vino viene conservato su un lato affinché il liquido possa rimanere costantemente in contatto con il tappo di sughero. L’umidità del tappo evita, così, la formazione di restringimenti e screpolature che consentirebbero all’aria di penetrare all’interno della bottiglia. In questo modo eviteremo un’ossidazione precoce, che avrà un impatto negativo sul gusto del vino. Continua a leggere la guida per saperne di più circa le modalità relative a come conservare correttamente il vino.

Mantieni la corretta temperatura.

Se stai conservando il vino rosso e il vino bianco nello stesso luogo, assicurati che la temperatura dell’aria sia stabile intorno ai 12°. Le temperature molto elevate possono, infatti, invecchiare il vino precocemente, alterando il sapore e l’aroma. Anche le temperature troppo fredde determinano un’alterazione dei sapori e degli aromi naturali. Per questo motivo è indispensabile valutare attentamente il livello di temperatura, affinché il vino possa preservarsi in maniera corretta per anni, senza invecchiare troppo rapidamente. Assicurati, inoltre, che la temperatura rimanga costante, senza il verificarsi di sbalzi termici.

Presta attenzione all’umidità e alla luce.

Un altro importante parametro da considerare, quando si desidera conoscere come conservare correttamente il vino, è quello relativo all’umidità, che deve mantenersi tra il 50 e l’80%. I livelli di umidità sono in grado di influenzare sia il vino stesso sia l’etichetta. Un’umidità eccessiva può causare, infatti, la formazione di muffe sulle etichette, rovinando irrimediabilmente l’aspetto estetico della bottiglia. Anche la luce può invecchiare prematuramente il vino. Per questa ragione, le bottiglie vengono realizzate impiegando il vetro colorato. Conserva le tue riserve in un’area buia, lontano dalla luce solare diretta e da una forte illuminazione artificiale.

Evita vibrazioni e monitora il tempo di conservazione.

Le vibrazioni causate dalle attrezzature presenti in cucina e dagli apparecchi di raffreddamento possono danneggiare il tuo vino quando è in deposito. Per questo motivo è importante che il prodotto non venga scosso. Le vibrazioni sono in grado, infatti, di accelerare le reazioni chimiche che determinano l’invecchiamento precoce del prodotto. Un altro importante parametro da valutare, quando si desidera saperne di più su come conservare correttamente il vino, è il tempo di conservazione. Anche se è vero che il vino migliora con l’età, è meglio consumare il prodotto entro pochi anni dall’acquisto. I parametri di riferimento sono 2-10 anni per il rosso e 2-3 anni per il bianco.

Come conservare correttamente il vino dopo l’apertura.

Dopo l’apertura, il vino bianco deve essere conservato in un luogo fresco e buio, come una cantina, un frigorifero o un ripostiglio, e consumato entro 3-5 giorni. Il vino rosso non necessita, invece, di un luogo fresco, ma dovrebbe essere conservato in un ambiente buio o poco illuminato. Mentre la maggior parte dei vini rossi dura dai 3 ai 5 giorni, alcuni rossi più acidi possono durare anche più a lungo. Una volta aperto il prodotto, occorre richiudere perfettamente la bottiglia per ridurre al minimo l’esposizione all’aria.

Dove conservare il vino.

Ultimo parametro, ma non in ordine di importanza, è quello relativo al luogo in cui conserveremo la nostra riserva di vino. Gli spazi meno indicati a tale scopo sono le cucine, le aree molto trafficate o a contatto diretto con la luce. La soluzione migliore è data dai frigoriferi per il vino, perfetti soprattutto per i ristoranti di lusso, in grado di contenere fino a 200 bottiglie. I refrigeratori per il vino sono progettati per conservare il prodotto a temperature precise, rispettando tutti i parametri utili affinché il vino possa preservarsi al meglio.